AVVENTURA AFRICANA

Alle origini della fotografia di viaggio: la collezione Robecchi Bricchetti

dei Musei Civici di Pavia

Avventura Africana è un’esposizione con una genesi tutta particolare. A partire dal titolo, che nel progetto originario era molto più generico. Ma dopo i primi approfondimenti, infatti, più la ricerca iconografica andava avanti e più ci si accorgeva che le immagini che venivano visionate erano prodotte da fotografi che spesso le realizzavano in condizioni estreme in zone del pianeta spesso inesplorate e perciò potenzialmente pericolose. E’ maturata perciò la coscienza che alla fotografia di viaggio originaria dovesse essere associata la dimensione dell’avventura, e che questa dimensione fosse necessario che venisse comunicata attraverso le immagini esposte. Non solo. Quelle stesse immagini erano un esempio straordinario, imprevedibile e sconosciuto di reportage con le stesse qualità estetiche, di testimonianza e di ricerca di quelli contemporanei.

 

Qualcosa d’altro fu chiaro: molte delle fotografie ritraevano un mondo, umano e geografico che da lì a poco sarebbe scomparso. Non solo il mondo delle popolazioni non ancora colonizzate che mantenevano con fierezza i propri tratti distintivi originari testimoniati dalle immagini ma anche quello degli uomini occidentali in cerca di avventura con i loro modi e la loro mentalità tutti ottocenteschi e irripetibili.  Quando ci si è imbattuti nella collezione Robecchi Bricchetti, messa insieme proprio da uno dei protagonisti dell’epoca - l’esploratore pavese della Somalia Robecchi Bricchetti per l’appunto – ci si è subito resi conto di avere tra le mani proprio il materiale che permetteva di comunicare al pubblico tutto ciò che voleva dire la fotografia di viaggio delle origini, e tutta la modernità che già essa aveva in sé e che la rendeva assimilabile al reportage contemporaneo. La Collezione è diventata perciò la mostra che si voleva realizzare. E AVVENTURA AFRICANA il suo titolo.

 

La collezione Robecchi Bricchetti consta di ca. 2000 scatti risalenti alla seconda metà dell’ottocento. Le immagini sono state messe insieme dal Bricchetti durante i suoi viaggi, in parte realizzandole di propria mano, in parte acquistandole presso i primi fotografi europei con laboratori avviati nel Continente Nero (alla sfida umana si aggiunge la sfida imprenditoriale). Fu donata ai Musei Civici di Pavia dallo tesso Luigi Robecchi Bricchetti a patto che ne fosse assicurata la fruibilità al pubblico. Da allora la collezione però non è mai stata catalogata ne restaurata, se non in minima parte. E pochissime delle immagini sono state mostrate al pubblico.

 

L’esposizione “Avventura Africana” espone circa 60 riproduzioni di quelle immagini, in stragrande maggioranza completamente inedite.

 

A cura di:

Alessandro Luigi Perna

 

Immagini di:

Musei Civici del Castello Visconteo di Pavia

foto sfondo pagina © Musei Civici del Castello Visconteo di Pavia